Attendere prego...


Trombosi venosa retinica

5 Maggio 2017 by carmineciccarini

Patologia oculare che colpisce la vena centrale retinica con riduzione del visus ed emorragie retiniche e/o intravitreali

Sono di solito  colpiti da trombosi venosa retinica soggetti adulti generelmente ipertesi, diabetici, cardiopatici, pazienti con glaucoma cronico semplice e emopatie. (poliglobulia – eccessiva produzione di globuli rossi – o morbo di Vaquez).

Esistono forme in cui tutta la vena centrale viene occlusa e altre in cui vengono colpiti rami della stessa (occlusione venosa di branca). Molto spesso in questa patologia di sviluppa un edema maculare cistoide.

Sintomatologia

Il paziente affetto da trombosi venosa retinica lamenta riduzione del visus, corpi mobili (senso di “mosca volante”). Spesso si ha la sensazione di osservare una macchia grigia al centro del campo visivo.

Se la retina centrale è sollevata da emorragie o siero, gli oggetti appaiono deformati.

Diagnosi

La trombosi venosa retinica viene dignosticata già dall’esame del fondo oculare che evidenzia la presenza di emorragie.  Queste possono essere localizzate in determinate zone della retina nella trombosi venosa di branca, oppure essere estese su tutto l’ambito retinico con rigonfiamento del nervo ottico e emorragie sullo stesso nelle trombosi venose centrali.

Esami più specifici sono la fluorangiografia e l’OCT.

trombosi venosa di branca: si evidenzia una vasta emorragia del ramo temporale superiore che coinvolge anche la retina centrale. Il nervo ottico non appare interessato.
trombosi totale della vena centrale retinica: si osservano numerosissime emorragie intra-retiniche che coinvolgono tutta la superficie della retina stessa.   Il nervo ottico appare edematoso e con emorragie

 

 

Terapia

La patologia dovrebbe essere trattata prontamente per cercare di avere un recupero migliore.

Nelle forme curate non appropriatamente il rischio più grave è la formazione di un glaucoma neovascolare in cui nella zona di deflusso dell’umor acqueo si formano numerosissimi capillari. Ciò determina ipertono oculare che un tempo portava alla rimozione del globo oculare.

Oggi, trattando con laser le zone retiniche ischemiche, utilizzando farmaci anti VEGF a cicli e calciparina a basso peso molecolare (enoxeparina) pari a 100 u.i./kg, si può invece arrivare ad un recupero funzionale talvolta molto soddisfacente.

Come tutte le patologie mediche importante è fare una pronta diagnosi ed una terapia adeguata al caso clinico evidenziatosi. Talvolta può bastare, specie nelle forme più limitate, un trattamento a base di calciparina senza dover ricorrere a procedure più invasive.

Qualora si presentasse la più temibile delle complicanze, l’applicazione in camera anteriore di farmaci anti VEGF, magari associata a coagulazione con argon laser, può evitare complicanze un tempo drammatiche.



Dr. Carmine Ciccarini

STUDIO DI PERUGIA:
Centro Diagnostico Laser Via M. Magnini 18
Tel. 075 5007094 – Tel. 339 2248541

STUDIO DI CHIUSI (In provincia di Siena):
Piazza XXVI Giugno 1944 N.4
Piano secondo
Tel. 339 2248541

STUDIO DI TERNI:
Servizi sanitari Via C. Battisti, 36
Tel. 0744 59513
Riceve il Mercoledì dalle 8.00 alle 19.00

P. Iva : 02169660541
carmineciccarini@libero.it

Privacy Policy e Cookies Policy

si4web

Carmine Ciccarini – MioDottore.it