Attendere prego...


Pucker maculare – nuova terapia

16 Giugno 2017 by carmineciccarini1

Il pucker maculare o membrana epiretinica o maculopatia a cellophane è una patologia che provoca distorsione delle immagini, riduzione visiva e può determinare la comparsa di foro retinico maculare per effetti di trazione.

Il pucker maculare è molto spesso associato alla degenerazione maculare senile sia nella forma secca che umida. Attualmente la miglior terapia per il dissolvimento del packer (membrana epiretinica) è l’ocriplasmina (commercialmente conosciuta come JETREA) principio attivo simile alla plasmina umana che è un enzima presente nell’occhio capace di rompere le proteine che farebbero aderire il vitreo alla retina.

Efficacia

L’efficacia di questo farmaco sembra documentata specialmente da studi anglosassoni; essi dimostrano che nel 40.6% dei casi si avrebbe una chiusura del fro maculare purchè questo non superi il diametro di 400 micron.

Per effettuare il trattamento si esegue un’inezione intravitreale a 3,5/4 mm dal limbus evitando il meridiano orizzontale; cercando di immettere il farmaco inclinando l’ago verso il polo posteriore. La dose da utilizzare è di 0.125 mg di principio attivo anche se la confezione in vendita contiene 0,5mg/0.2 ml che pertanto saranno diluiti con soluzione sterile di fisiologica in dose opportuna.

E’ consigliabile prima dell’intervento prescrivere acetazolamide la sera precedente al tramento e la mattina almeno 3h prima del trattamento; ciò punta ad evitere problemi di ipertensione endo-oculare. Se è necessario si può ricorrere a paracentesi. (procedura che consiste nell’eseguire un microtaglio della cornea al limbus per permette una evaquazione verso l’esterno di umor acqueo che abbassa la pressione oculare).

Dopo  il trattamento l’oculista prescrive antibiotici per via generale e topica e controllare la pressione oculare con colliri idonei. Il farmaco agisce dopo settimane; dopo un mese la membrana viene lisata (“mangiata”) e i risultati positivi che si ottengono possono contribuire a migliorare il visus di un paio di decimi oltre a prevenire ulteriori trazioni maculari che porterebbero ad un calo progressivo della vista.

Effetti indesiderati

Gli effetti indesiderati che si possono osservare dopo l’utilizzo di jetrea per la cura del pucker sono; comparsa di mosche volanti, dolenzia oculare e comparsa di lampi di luce (fotopsie) per fluidificazione del vitreo.

Talvolta, come in tutte le iniezioni intravitreali può manifestarsi un’endoftalmite (infiammazione del vitreo) di natura batterica o infiammatoria dovuta alla sostanza iniettata. Altro effetto collaterale è costituito da emorragia retinica o vitreale o lacerazione retinica; ciò è frequente in tutte le iniezioni intravitreali.

In rari casi si può avere una riduzione visiva; ciò fino ad una cecità transitoria reversibile solitamente in qualche giorno o al massimo un paio di settimane.



Dr. Carmine Ciccarini

STUDIO DI PERUGIA:
Centro Diagnostico Laser Via M. Magnini 18
Tel. 075 5007094 – Tel. 339 2248541

STUDIO DI CHIUSI (In provincia di Siena):
Piazza XXVI Giugno 1944 N.4
Piano secondo
Tel. 339 2248541

STUDIO DI TERNI:
Servizi sanitari Via C. Battisti, 36
Tel. 0744 59513
Riceve il Mercoledì dalle 8.00 alle 19.00

P. Iva : 02169660541
carmineciccarini@libero.it

Privacy Policy - Cookie Policy

si4web

Carmine Ciccarini – MioDottore.it