Attendere prego...



Blog

Pubblicazioni

13/Lug/2018

Le papilliti bilaterali sono eventi rari (1 o 2 casi su 100.000);  colpiscono più facilmente le donne tra i 30 e i 40 anni.

In questa patologia entrambi i nervi ottici vengono colpiti da un processo infiammatorio autoimmune.

All’anamnesi  di papilliti bilaterali bisogna ricercare fra le cause una possibile sclerosi multipla, l’encefalopatia infettiva, virosi sistemiche (in molti pazienti, alcune settimane prima dell’evento si verificano episodi gastrointestinali con febbre, diarrea e vomito), LES, diabete, miastenia.

I nervi ottici appaiono gonfi e congestionati; il paziente perde la vista pressoché completamente, tanto da avere in taluni casi difficoltà a riconoscere le sagome.

Solitamente alcuni giorni o settimane prima si possono avere: dolore ai movimenti oculari e abbassamento del visus che non sempre sono inizialmente drammatici.

L’abbassamento visivo è dovuto alla presenza di scotomi centrali; che sono in definitiva delle macchie che colpiscono il centro del campo visivo impedendo la visione centrale.

DIAGNOSI

Di fronte a simili casi bisogna eseguire una risonanza magnetica nucleare celebrale centrata sui nervi ottici. Risulta utile fare un prelievo del liquor (puntura lombare) per escludere sclerosi o una forma iniziale di morbo di Devic; se possibile un OCT centrato sul nervo ottico; oltre ad escludere con esami di laboratorio la malattia diabetica e virosi che abbiano preceduto l’evento acuto.

Altro esame importante è la fluorangiografia.

TRATTAMENTO

Si usano cortisonici in bolo (di solito 1000 mg endovena a scalare); per poi passare a cortisonici sistemici. Si può usare anche la plasmaferesi per ripulire il siero da eventuali sostanze nocive oltre ad usare diuretici per ridurre l’edema dei nervi ottici, ma soprattutto per eliminare l’eccesso di liquido extracellulare dovuto ai pesanti dosaggi di cortisonici.

Nei casi più gravi si può ricorrere all’azatioprina (immunosoppressore) o al rituximab che è un anticorpo monoclonale.

EVOLUZIONE

Accanto a forme con completo recupero della funzionalità oculare e del campo visivo; esistono forme che comportano danni campimetrici e riduzione del visus; fino a forme che lasciano reliquati sulla capacità visiva.

Sono possibili recidive.

 

Morbo di Devic

La neuromielite ottica o malattia di Devic è una sindrome autoimmune che colpisce nervi ottici e midollo spinale.

È una malattia rara con rischio di gravi conseguenze neurologiche, spesso associata a papilliti. Nei casi più gravi si può arrivare alla morte per coinvolgimento dei centri che regolano la respirazione; sono più colpite le donne solitamente di media età; il primo sintomo è spesso una neurite ottica retrobulbare accompagnata o meno da disturbi motori o parestesia degli arti.

Spesso i pazienti, dopo la guarigione, non effettuano alcun approfondimento diagnostico, ma la malattia di Devic si ripresenta in forme terribilmente drammatiche arrivando in pochi mesi a paresi degli arti inferiori fino a interessamento di tutti i muscoli del corpo; in ogni caso, in questa fase della malattia, permangono gravi lesioni.

Quindi, nelle fase di esordio di patologie di questo tipo, in particolar modo le neuriti ottiche, sarebbe necessario effettuare verifiche diagnostiche approfondite; dalla risonanza magnetica al prelievo del liquor; in modo che la diagnosi precoce del morbo, possa consentire, in primo luogo, un adeguato attacco terapeutico, e, successivamente, l’individuazione di un trattamento efficace che consenta di tenere sotto controllo la patologia senza che se ne manifestino gli effetti più devastanti.

La risonanza magnetica evidenzia infatti, in caso di sindrome di Devic, lesioni cavitarie midollari, e all’esame del liquor pleiocitosi liquorale cioè l’aumento del numero di cellule nel liquido cerebrospinale.

 


18/Mag/2017

La neurite ottica si presenta come processo infiammatorio del nervo ottico

I processi infiammatori (neurite ottica) possono coinvolgere la testa del nervo (papillite), il tratto retro-bulbare (neurite retrobulbare) fino a estendersi alle vie ottiche posteriori (neurite posteriore).

Cause

La naurite ottica può essere causata da diversi fattori come: ischemie, demielinizzazione, infezioni.

Le cause ischemiche rientrano nel capitolo della neuropatia ottica ischemica spesso le neuriti retrobulbari sono la forma di esordio di forme demielinizzanti come la sclerosi multipla; una particolare forma di neurite ottica retrobulbare si può associare alla arterite di Horton.

Anche nell’infiammazione dei seni frontali, specie in quelli che coinvolgono l‘etmoide e lo sfenoide si possono avere infiammazioni del nervo ottico. Le vie ottiche posteriori possono invece interessate da neoplasie celebrali, ischemie ascessi celebrali che coinvolgono la prosecuzione posteriore dei nervi ottici.

Anche sostanze tossiche possono comportare danni dei nervi ottici, a tal proposito ricordiamo le neuropatie da metanolo utilizzato negli anni ottanta per la sofisticazione dei vini, l’alcol e il fumo.

 

nell’immagine si osserva come i margini del nervo ottico siano rigonfi anzichè essere piatti e margini netti. Ciò è sintomo della papillite ottica.

 

Sintomi

Il paziente la menta una notevole riduzione visiva che può arrivare fino alla cecità, in altri casi si hanno riduzioni a settore del campo visivo.

Diagnosi

Potenziali Evocati Visivi – esame elettro-fisiologico semplice e rapido che permette di valutare l’attività elettrica delle vie ottiche

Campo Visivo – che mostra presenza di aree di non-visione specie centrali (scotomi), restringimenti o deficit a settore.

Risonanza Magnetica Nucleare

Terapia

Nelle forme aggressive si utilizza il metilprednisolone per endovena nei primi 1/3 giorni. Il prednisone a dosaggi iniziali di 1mg/kg/die viene utilizzato per settimane scalando il dosaggio del 10/20% ogni settimana. Naturalmente è buona regola utilizzare gastroprotettori.

Nelle neuriti ottiche retrobulbari alcune scuole associano 1/2 cicli di iniezioni retrobulbari di farmeci cortico-steroidei

Nelle neuropatie ottiche ischemiche è buona regola prescrivere calciparine a basso peso molecolare a dosaggi di 1mg/kg/die.



Dr. Carmine Ciccarini

STUDIO DI PERUGIA:
Centro Diagnostico Laser Via M. Magnini 18
Tel. 075 5007094 – Tel. 339 2248541

STUDIO DI CHIUSI (In provincia di Siena):
Piazza XXVI Giugno 1944 N.4
Piano secondo
Tel. 339 2248541

STUDIO DI TERNI:
Servizi sanitari Via C. Battisti, 36
Tel. 0744 59513
Riceve il Mercoledì dalle 8.00 alle 19.00

P. Iva : 02169660541
carmineciccarini@libero.it

Privacy Policy e Cookies Policy

si4web

Carmine Ciccarini – MioDottore.it